ABRUZZO SACRO - LUNGO IL CAMMINO DEL VOLTO SANTO

Un viaggio  alla scoperta dell’Abruzzo autentico, fra natura e spiritualità, lungo l’ultimo tratto del Cammino del Volto Santo, il percorso che si snoda fra splendidi sentieri di montagna e antichi borghi medievali, sulle orme del primo pellegrino che nel 1506 portò il velo della Veronica da Roma in Abruzzo. Tutto il meglio che l’Abruzzo può offrire in una sola esperienza di viaggio.

 

Partiremo da Pratola Peligna con il suo imponente Santuario, per poi proseguire lungo il fiume Aterno dove visiteremo l’incantevole Eremo di San Venanzio da Camerino immerso nella Riserva Naturale Regionale delle Gole di San Venanzio, fino alla lussureggiante Bussi sul fiume Trino dove potremo gustare i gamberi di fiume.

Dal Santuario dedicato al Beato Nunzio Sulplizio di Pescosansonesco percorreremo a piedi la splendida valle posta nel territorio del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga attraversando il suggestivo piccolo borgo di Castiglione a Casauria per giungere a valle fino alla stupenda Abbazia di S. Clemente a Casauria, la più importante abazia cistercense d’Abruzzo, e alla medievale Tocco da Casauria, famosa per il suo prelibato olio.

L’ultimo giorno è interamente dedicato alla suggestione della Veronica del Volto Santo di Manoppello: cammineremo per le strette vie del borgo alla scoperta della storia e dei misteri, dall’antica Porta Fara,  alla lapide commemorativa del pellegrino  fino alla nostra meta finale, la Basilica del Volto Santo, con la benedizione dei Frati Cappuccini di fronte al tabernacolo.

----------------------

DURATA 3 GIORNI / 2 NOTTI

 

MEZZO A PIEDI e IN PULLMAN

 

DIFFICOLTÀ ESCURSIONI A PIEDI T = ESCURSIONE TURISTICA

non richiede particolare esperienza o preparazione fisica

----------------------------------------------------------

1° giorno

Partiremo da Pratola Peligna, splendido borgo di impianto medievale della valle Peligna, ai piedi della catena del Morrone, nella terra dove visse Pietro da Morrone prima di divenire Papa col nome di Celestino V, nel cuore dell’Abruzzo sacro visiteremo il Santuario della Madonna della Libera, storico luogo meta di venerazione e pellegrinaggio da parte dei fedeli.

Percorreremo per brevi tratti a piedi gli splendidi panorami attraversati dal fiume Aterno, visitando la riserva naturale delle Gole di San Venanzio col suo splendido eremo costruito a picco sul corso del fiume.

La giornata terminerà a Bussi sul Tirino, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, sulle sponde del fiume Tirino, fra i corsi d’acqua più limpidi e puliti d’Europa, con il suo scorrere placido, la vegetazione lussureggiante e la cucina tipica a base di gamberi di fiume e le tipiche ciambelle di San Biagio.  La serata si concluderà danzando alle note dello swing dei bravissimi musicisti jazz locali.

 

2° giorno

Di buon mattino visiteremo Pescosansonesco, piccolo paese incastonato nel del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, con la sua magnifica veduta sull’alta Val Pescara. Il borgo conserva le belle chiesette medievali in pietra  e un affascinante complesso conventuale francescano, ma è noto soprattutto come meta di pellegrinaggio presso il Santuario dedicato al Beato Nunzio Sulplizio, protettore degli invalidi e delle vittime del lavoro. Un santuario incastonato nella roccia e traboccante di commoventi ex voto donati dai fedeli a ringraziamento per la guarigione ottenuta.

Proseguiremo a piedi nel territorio del Parco fino a Castiglione a Casauria, attraversandone il centro storico medievale con le casette raggruppate e strette attorno all'antica chiesa conventuale di S. Francesco, fino a giungere a valle, dove sorge la stupenda Abbazia di S. Clemente a Casauria, uno dei più insigni monumenti medievali d’Abruzzo.

La giornata terminerà nel borgo di Tocco da Casauria, qui attraverseremo il paese partendo a monte dalla bella Porta della Croce, con la sua splendida vista panoramica nei pressi della Casa Natale di Francesco Paolo Michetti e ci addentreremo nel centro storico di impianto medievale dove ci fermeremo per gustare una cena a base delle specialità tipiche del luogo: il celebre olio d’oliva extravergine di olive “toccolana” e gli ottimi vini prodotti da alcune delle più quotate cantine d’Abruzzo. La serata si concluderà con animazione a base di musica e danze popolari. Pernotteremo infine immersi nella quiete del bel Convento di Santa Maria del Paradiso detto “l’Osservanza”.

 

3° giorno

L’ultimo giorno del viaggio è dedicato a Manoppello e alla celebre Basilica del Volto Santo. Entreremo in paese attraverso l’antica e suggestiva Porta Fara, da qui attraverso le strette vie del borgo, giungeremo fino alla chiesa parrocchiale di San Nicola e alla lapide commemorativa che ricorda la consegna del Volto Santo ad un nobile locale da parte di un anonimo pellegrino che portò il velo detto della “Veronica” da Roma a Manoppello nel XVI secolo. In paese visiteremo la mostra permanente dedicata al Volto Santo, scoprendone la storia e i misteri che lo rendono appassionante oggetto di studio e meta di pellegrinaggio da parte di fedeli di tutto il mondo. Proseguiremo poi il percorso fino alla nostra meta, la Basilica del Volto Santo, dove ci attenderà la benedizione dei Frati Cappuccini di fronte al tabernacolo che custodisce il prezioso Velo.

La giornata si concluderà con un commiato a pranzo, a base di tipici piatti abruzzesi: pasta alla chitarra, specialità alla brace e vino Montepulciano.