Cammino del volto santo, edizione 2016, anno del giubileo straordinario della misericordia

Il Cammino del Volto Santo ha aperto l’Anno giubilare ripercorrendo la sua storia, andando alle radici del senso stesso del Giubileo che è strettamente legato al Velo della Veronica.


Nel 1208 il Velo fu mostrato ed esposto pubblicamente per la prima volta da Papa Innocenzo III, che garantì indulgenze a chiunque vi pregasse davanti. Questa ostensione, che avveniva in una processione tra la Basilica di San Pietro e la Chiesa di Santo Spirito in Sassia, divenne un evento annuale e in una di tali occasioni, nel 1300, Papa Bonifacio VIII fu ispirato a proclamare il primo Giubileo della storia, durante il quale il velo della Veronica fu mostrato pubblicamente e divenne una delle "Mirabilia Urbis” e considerata dai pellegrini che visitavano Roma come la più preziosa di tutte le reliquie Cristiane.
Il 16 gennaio 2016 si è tenuta in Vaticano la rievocazione storica della processione del Volto Santo da San Pietro in Vaticano per giungere fino alla Chiesa di Santo Spirito in Sassia, dove il prefetto della Casa Pontificia Georg Gänswein ha celebrato una speciale messa per i pellegrini del Volto Santo giunti da Manoppello con una immagine della Veronica custodita in un prezioso reliquiario in argento del 1902, guidati da Padre Carmine Cucinelli, rettore della Basilica del Volto Santo di Manoppello e accompagnati dal Coro della Basilica.
All'evento hanno partecipato mons. Josef Bart rettore del Santuario di Santo Spirito in Sassia, lo studioso e scrittore Paul Badde, lo storico e studioso della Veronica Padre Pfeiffer, il giornalista Antonio Bini, la comunità dei cittadini di Manoppello col Sindaco Antonio Matarazzo e tanti devoti e devote del Volto Santo venuti a Roma per l'occasione.
Il Cammino del Volto Santo si è avviato così alla sua seconda edizione, prevista nel mese di maggio, quando i pellegrini si metteranno in cammino partendo da Piazza San Pietro in Vaticano, attraversando la città di Roma e una serie di piccoli comuni e località di interesse turistico-religioso distribuite sul percorso della antica via consolare Tiburtina-Valeria di collegamento fra Roma e l’Abruzzo, fino a giungere al Comune di Manoppello (PE) e alla Basilica del Volto Santo, ripercorrendo idealmente il tragitto dell’anonimo pellegrino che, partito da Roma, portò la Veronica in Abruzzo nel XVI secolo. I pellegrini giungeranno alla Basilica del Volto Santo di Manoppello in tempo per partecipare alla tradizionale festa religiosa e popolare dedicata al Velo, che si tiene la terza domenica del mese (15 maggio).